Il calcio deve ripartire? Assolutamente si

335

In tanti gridano allo scandalo pensando al ritorno in campo dei calciatori, quindi al ritorno “al lavoro” per loro, come per tante persone che conosciamo bene, come i medici, gli infermieri, le forze dell’ordine, i camionisti, le commesse, e molti altri. Tante categorie dunque lavorano, seguendo ovviamente le prescrizioni dettate dalle autorità. In tanti sostengono che il calcio vuole sempre fare di testa sua perché muove i soldi e perché ci sono troppi interessi. Sicuramente vero, ma mettiamo per un momento da parte le “chiacchere da bar” e facciamo un ragionamento con i dati alla mano.

La riforma dello sport iniziata dal Governo Conte I con l’allora Sottosegretario Giorgetti e la legge di stabilità del 2019 hanno ribadito il principio di autofinanziamento dello sport. I contributi dunque che lo Stato assegna a CONI e Sport e Salute annualmente (468 milioni di euro lo scorso anno) vengono parametrati al 32% delle entrate effettivamente incassate dallo Stato l’anno precedente, derivanti dal versamento delle varie imposte (Iva, Ires, Irpef, Irap…) nell’ambito della gestione di impianti sportivi, palestre e dell’attività dei club. Se consideriamo che il contributo fiscale delle società di calcio professionistico supera i 900 milioni di euro (fonte “Il Sole 24 Ore”), non serve un ragioniere per calcolare che, di fatto, la Serie A sostiene per circa due terzi tutto lo sport italiano, compresi gli sport “minori” e le piccole associazioni sportive dilettantistiche.

Una domanda: con le priorità che avrà lo Stato dopo questa emergenza (giustamente ci saranno interventi prioritari rispetto allo sport e settori che andranno completamente ricostruiti), come pensiamo di riuscire a tenere in piedi le nostre società sportive, gli enti di promozione sportiva, i settori giovanili e le società di oratorio senza parte di queste risorse?

Condividi:

Ultima modifica: 10 Maggio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *